Passa ai contenuti principali

Mostre:esposti a Pistoia i dipinti di Giovanni Boldini

  Sedici capolavori, realizzati da Giovanni Boldini durante gli anni toscani del periodo macchiaiolo (1864-1871), provenienti da collezioni private e da pubblici musei, esposti al Museo dell'Antico Palazzo dei Vescovi di Pistoia, gestito dalla Cassa di risparmio di Pistoia e della Lucchesia (Gruppo Intesa San Paolo),  nell'anno di Pistoia capitale italiana della cultura. La mostra,  "Giovanni Boldini. La stagione della Falconiera", uno degli eventi di punta di Pistoia Capitale, presentata oggi alla stampa, apre al pubblico domani alle ore 17  e sarà visitabile fino al 6 gennaio 2018.
   L'esposizione, è stata curata da Francesca Dini con la collaborazione di Andrea Baldinotti e Vincenzo Farinella. Il titolo della mostra prende ispirazione da un ciclo di pitture murali a tempera che Giovanni Boldini ha eseguito durante il suo periodo toscano, sul finire degli anni sessanta
dell'Ottocento, presso la Villa La Falconiera, sulle colline pistoiesi, che apparteneva allora alla mecenate inglese Isabella Fa1coner. Tra le opere esposte 'Marina' (1870) custodita a Milano, i ritratti di Telemaco Signorini (1870) e di Cristiano Banti (1866), custoditi presso la Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti a Firenze, artisti legatissimi al Boldini, tanto da averlo sostenuto e promosso non solo durante il suo soggiorno toscano; l'innovativo, per posa e colori, 'Giovane paggio che gioca con un levriero' (1869); il raffinato ritratto di 'Alaide Banti in abito bianco' (1866) e il superbo ritratto del 'Generale Spagnolo', eseguito durante l'inverno trascorso in Costa  Azzurra con la signora Falconer, tra novembre 1867 e marzo 1868 e considerato il capolavoro che ha proiettato il giovane Boldini nell'emisfero dei più grandi ritrattisti di tutti i tempi.

Post popolari in questo blog

Mostre: Pistoia, in 80mila a ''Visitazione'' Della Robbia

Doveva essere l''attrazione artistica della seconda parte dell''anno di Pistoia capitale
italiana della cultura 2017: il gruppo scultoreo della
''Visitazione'' di Luca Della Robbia ha mantenuto le aspettative.
Da luglio ad oggi infatti oltre 80.000 visitatori hanno varcato
la porta della chiesa di San Leone per vederla.
   L''opera fu eseguita intorno al 1445 per la chiesa di San
Giovanni Fuorcivitas di Pistoia, la ''Visitazione'' è stata
restaurata all''Opificio delle Pietre Dure di Firenze grazie al
sostegno dei musei americani ''Museum of Fine Arts'' di Boston e
della ''National Gallery of Art'' di Washington, che l''hanno
tenuta in esposizione fino a luglio 2017. Dopo, il gruppo
robbiano è tornato a Pistoia e reso visibile nella chiesa di San
Leone. Qui la mostra viene curata da Diocesi di Pistoia e
Soprintendenza. Pochi giorni fa gli organizzatori hanno deciso
di prorogare il termine di chiu…

Chiude nel segno del successo la XII edizione di «Dai un senso alla vita: rispettala!»

Un mese intero di eventi, durante il quale si è parlato dell'influenza dei social network, di coloro che utilizzandoli fanno tendenza e della capacità che questi hanno di condizionare i comportamenti individuali e collettivi attraverso l'immagine, il fashion, lo shopping. Ma anche di chi tutto questo lo subisce, inconsapevolmente. Un mese intenso di iniziative, tra incontri, dibattiti, concorsi, talk show televisivi. La 12esima edizione di «Dai un senso alla vita: rispettala!», kermesse promossa a Pistoia dal Laboratorio toscano Ans (Associazione nazionale sociologi), braccio operativo del Dipartimento regione Toscana Ans, presieduto dal sociologo Giuliano Bruni, ha coinvolto anche quest'anno partner istituzionali, varie università e istituti scolastici. «I bisogni dell'essere: mente, corpo, società», è stato il tema su cui si sono confrontati (dal 5 aprile al 4 maggio), sociologi, psicologi, insegnanti e soprattutto gli studenti delle scuole superiori di Pistoia e p…

Arriva EatPrato dall'8 al 10 giugno

L’appuntamento da non perdere per gli appassionati del buono e del bello in una città in grande fermento creativo, nel food come nel'arte. Tanto che eatPRATO dall'8 al 10 giugno fa delle due un mix riuscito. Quartier generale il Giardino Buonamici in pieno centro, un food garden o giardino delle delizie, e da lì una costellazione di eventi tra scenari monumentali e contest contemporanei, passando attraverso i musei più belli.Cooking e pastrying show dolci e salati abbinati a visite guidate; Taste&ArtLAB, trekking lungo la strada dei sapori sulle colline del Carmignano, la DOCG più antica d'Italia, tante signature dinner e aperitivi old fashion col primo Vermouth della storia, il Numquam. E ancora, rivisitazioni in chiave gastronomica dal Museo delle Nature Morte di Poggio a Caiano oppure Cammina&Gusta, la cena itinerante per le vie di Prato come un vero insider dei sapori con piatti e menu a tema tra i monumenti. A chiudere Prato&Stelle, tirando a far mattina …